Skip to content

Battipaglia, fiamme al centro per migranti “Rodopa”

Non si sono registrati feriti e non è stato necessario trasferire gli ospiti
Battipaglia, fiamme al centro per migranti “Rodopa”

Principio d’incendio al “Rodopa” di Battipaglia. Pomeriggio intenso nel centro per migranti in località Spineta: intorno alle 16 delle fiamme hanno preso a bruciare all’interno d’una delle camere dell’enorme struttura alle porte della Piana del Sele, che ospita centinaia di cittadini extracomunitari. L’epilogo è stato positivo, senza che nessuno riportasse danni, grazie all’intervento tempestivo e massivo dei vigili del fuoco e alla funzionalità dell’impianto antincendio del complesso. Sul posto sono intervenuti i caschi rossi del Comando di Salerno e quelli del Distaccamento di Eboli, che hanno domato il rogo.

Sono sopraggiunti anche i carabinieri della Compagnia di Battipaglia, temporaneamente agli ordini del capitano Donato Recchia. Il principio d’incendio è divampato tramite l’impianto elettrico, con ogni probabilità da indumenti che gli ospiti della camera (che hanno riferito che stavano dormendo quando l’incendio ha preso a divampare) potrebbero aver lasciato su un ventilatore. Sono intervenuti anche gli uomini dell’Ufficio tecnico del Comune di Battipaglia, coordinati dall’ingegnere capo Carmine Salerno, per tutti i rilievi del caso. S’è interessato dell’accaduto anche il prefetto Francesco Esposito.

Non s’è reso necessario il trasferimento di nessun ospite: alcune camere sono state provvisoriamente interdette in attesa del responso del sopralluogo dei tecnici municipali ma a breve dovrebbero tornare funzionali. E gli ampi spazi di cui dispone il “Rodopa” hanno consentito il collocamento degli ospiti dei locali interessati in altri vani, senza interrompere le attività. L’incendio non è doloso

Leggi anche