Skip to content

Gli studenti salernitani “monitorano” la qualità dell’aria

Il progetto ad Amalfi grazie alla partnership tra Comune e Università: i bimbi diventano piccoli scienziati
Gli studenti salernitani “monitorano” la qualità dell’aria

I bambini di Amalfi diventano piccoli scienziati del laboratorio diffuso per il monitoraggio ambientale su tutto il territorio comunale. È partito oggi, infatti, il progetto di ricerca “Amalfi 4.0 CityZen Science“, sviluppato in sinergia tra il Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università di Salerno, diretto dal professore Carmine Capacchione, e il Comune di Amalfi, guidato dal sindaco Daniele Milano. Le classi prime e seconde delle medie dell’Istituto Comprensivo “G. Sasso” hanno incontrato nel Salone Morelli i docenti dell’Università di Salerno.

Gli obiettivi

Il focus – ha sottolineato il prof. Antonio Proto, docente di chimica ambientale Unisa e coordinatore del progetto – è rendere le giovani generazioni responsabili . Coinvolgiamo le scuole, così i nostri ragazzi si responsabilizzano e allo stesso tempo riusciamo ad ottenere un monitoraggio puntuale, in aree anche al di fuori del centro storico e nelle frazioni alte per costruire una mappa ampia. Replicheremo anche ad ottobre“.

La mattinata

Un’intera mattinata dedicata all’ambiente ad Amafi, in cui si sono mossi in contemporanea due eventi, il primo dedicato all’aria e il secondo alla pulizia dei fondali marini. “Cielo e mare. L’ambiente – ha detto Ilaria Cuomo, assessore all’Ambiente di Amalfi, salutando le classi coinvolte – la nostra risorsa prioritaria, dobbiamo difenderla e preservarla. Voi dovete essere tanti piccoli vigili, controllare che nessuno butti cartacce per strada o abbandoni i rifiuti“.

La raccolta dati

Alla fase di apprendimento, seguirà la raccolta dati, con la distribuzione di 100 campionatori passivi ai ragazzi da esporre per tre settimane sulle finestre e balconi delle loro abitazioni. Sono state fornite le istruzioni per l’individuazione della posizione geografica del luogo dove posizionarli e, trascorse tre settimane i ragazzi chiuderanno i campionatori e li consegneranno per le analisi per la realizzazione di una mappa della zona con i valori di ossidi di azoto rilevati. 

Leggi anche