Skip to content

Fiaccolata per i Carabinieri, Bellandi: «Misericordia anche per chi ha causato male»

L'arcivescovo: «Non ci sono parole umane che possano sollevare l’animo e dare conforto di fronte a questa immane tragedia»
Fiaccolata per i Carabinieri, Bellandi: «Misericordia anche per chi ha causato male»

«Non sono con voi fisicamente perché impegnato a Roma con i vescovi campani, ma lo sono spiritualmente e con tutto il cuore». E’ quanto espresso dall’Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, S.E. Monsignor Andrea Bellandi, nel messaggio letto ieri sera, mercoledì 10 aprile, a Campagna, in occasione della Fiaccolata organizzata in onore di Francesco Pastore e Francesco Ferrara, i due carabinieri che, nella notte tra sabato e domenica scorsi, hanno perso la vita in un terribile incidente stradale.

«Non ci sono parole umane che possano sollevare l’animo e dare conforto di fronte a questa immane tragedia, che ha colpito due famiglie, interi paesi, quelli di origine dei due giovani carabinieri, l’intero corpo dell’Arma e anche la nostra città di Campagna. – ha osservato S.E. Monsignor Bellandi – Questi due giovani portavano entrambi il nome del santo più amato e popolare nel nostro paese: Francesco. E forse anche da lui avevano ricevuto un animo nobile, colmo di grandi ideali, disponibile al servizio degli altri: un animo puro e generoso, che si rispecchiava nei loro volti luminosi. Un destino, ai nostri occhi incomprensibile, li ha portati via al culmine della loro giovinezza. Signore della vita, non riusciamo a comprendere e ad accettare umanamente questa tragedia, ma ti chiediamo di essere vicino ai loro genitori, ai loro cari e a tutti coloro – noi compresi – che oggi piangiamo questi nostri giovani fratelli. Sappiamo che nessuna lacrima versata è indifferente al Tuo cuore, come lo sono state quelle di Tua Madre quando pendevi dalla Croce. E sappiamo che quelle lacrime del Venerdì Santo si sono tramutate in stupore e gioia incontenibile il mattino di Pasqua».

Dunque, l’augurio e la preghiera di S.E. Monsignor Bellandi: «Che sia questa la speranza, che possa recare un po’ di pace e un orizzonte di luce a tutti coloro che oggi sono invece oppressi dal buio dell’angoscia e del rancore. Avvolgi tutti noi – i nostri due giovani, i loro familiari e amici, le popolazioni dei paesi coinvolti, ma anche, oso dire, chi ha causato tanto male con la sua condotta scellerata – nel manto della tua Misericordia» ha concluso l’Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno.

Leggi anche