Skip to content

Salerno, anche i burattinai finiscono nel mirino dei balordi

di Alessandro Mosca
Straniero occupa la struttura dei Ferraiolo sul lungomare, interviene la polizia: «Impossibile andare avanti così»
Salerno, anche i burattinai finiscono nel mirino dei balordi

«Ho 52 anni, non posso mettermi a fare la guerra con queste persone. Sono esausto». Sono le parole rammaricate e quasi rassegnate di Mario Ferraiolo, l’ultimo discendente della storica famiglia di burattinai che, da tempo ormai immemore, intrattiene bambini (e non solo) di Salerno e della provincia con i tradizionali spettacoli. I Ferraiolo hanno regalato (e regalano) tanti sorrisi. Ma sono costretti a fare i conti con persone che non sembrano apprezzare la loro arte. Anzi. Ancora una volta, infatti, la struttura di piazzetta del Marinaio, all’inizio di lungomare Trieste e a pochi passi da piazza della Concordia, è stata presa di mira da qualcuno che ha ben pensato di trasformarla in un rifugio di fortuna.

La “sorpresa”

Ieri mattina, infatti, Ferraiolo è andato nel box-teatro di buon ora per avviare le attività in vista degli spettacoli del weekend. E ha trovato, nuovamente, una sgradevole sorpresa: all’interno della struttura, infatti, ha trovato una persona che dormiva. Uno straniero che non si è limitato a quell’occupazione abusiva. Ha danneggiato le sedie, alcune strutture interne, una tenda. Ha lasciato i resti di un frugale pasto consumato lì dentro insieme ad altre sostanze. Non è la prima volta che Mario Ferraiolo si è trovato ad affrontare una situazione del genere, a ritrovare persone che bivaccano nella sua struttura. E ieri, stufo di questo andazzo, ha redarguito lo straniero che ha tentato di aggredirlo, prima di sollecitare l’intervento delle forze dell’ordine. Sul posto sono giunti gli agenti della Questura di Salerno che hanno condotto l’occupante in caserma per controlli.

Leggi anche