Skip to content

Capaccio Paestum, discarica abusiva nell’azienda bufalina: scatta il sequestro

Gli animali erano costretti a vivere in una pozza di escrementi alta 60 centimetri
Capaccio Paestum, discarica abusiva nell’azienda bufalina: scatta il sequestro

Il Nucleo Carabinieri Forestale di Capaccio Paestum e personale del Nucleo Provinciale Guardie Giurate Accademia Kronos Salerno, dopo accurate indagini svolte anche con l’ausilio di droni, hanno accertato che i titolari di una nota azienda bufalina da tempo avevano realizzato all’interno del centro aziendale una vera e propria discarica oltre a smaltire illecitamente tonnellate di effluenti zootecnici (parti palabili e non palabili) su terreni incolti e nei vicini canali di scolo che lentamente consentivano ai liquami di raggiungere i vicini corsi d’acqua e quindi il mare.

Il video dell’operazione

L’operazione iniziata alle prime luci dell’alba di alcuni giorni fa, risultava tuttavia molto più complessa per le enormi criticità riconducibili alla presenza rifiuti, liquami, urine e deiezioni all’interno dell’intero centro aziendale, circostanza che unitamente alla presenza di rifiuti di varia natura (inerti di origine edilizia, tonnellate di rifiuti ferrosi, pedane in legno, film plastici, etc.) rendeva molto più difficili le operazioni tecniche ed ispettive dell’intera azienda. Una situazione che consentiva altresì di accertare e documentare fotograficamente che la totalità dei bufali presenti nelle aree di stabulazione era perennemente costretta a vivere e deambulare nei propri escrementi che a causa dell’assenza di una idonea rete di scolo, raggiungeva anche i 60 centimetri di altezza dal piano calpestabile. Durante le operazioni i militari ed il personale tecnico del Nucleo Guardie AK, dopo aver effettuato accurate verifiche con l’ausilio della fluoresceina, accertavano altresì che i titolari dell’azienda avevano avviato una attività di recupero di rifiuti provenienti da attività di demolizione, inerti, fanghi, terre di scavo etc. al fine di realizzare il riempimento di un dislivello di un fondo e realizzarvi un ulteriore area di stabulazione.

Al termine delle operazioni ispettive i militari, constatato che i titolari dell’azienda avevano di fatto illecitamente smaltito gli effluenti zootecnici all’interno del centro aziendale ma, anche dei terreni limitrofi, procedevano al sequestro dell’intero centro aziendale pari a circa 40.000 metri quadri e del fondo agricolo avente superficie pari a circa 12.000 metri quadri poiché di fatto adibito a discarica, denunciavano i titolari in stato di libertà per il reati di realizzazione e gestione di una discarica abusiva, illecita gestione di rifiuti speciali non pericolosi, illecito smaltimento di effluenti zootecnici ma anche per il reato di maltrattamento animale avendo di fatto costretto tutti i capi di bestiame presenti in azienda a vivere in condizioni etologicamente incompatibili con la loro natura.

Leggi anche