Skip to content

Salerno, stretta sulla prostituzione casalinga

Nel regolamento per la sicurezza limitazioni ai giochi in strada e alla vendita di alcolici
Salerno, stretta sulla prostituzione casalinga

Il Comune di Salerno vara un nuovo regolamento di polizia e sicurezza urbana e scatta la stretta in diversi ambiti, come la vendita di alcol dai distributori automatici e i giochi in strada. Non solo, spuntano anche disposizioni sulla prostituzione casalinga laddove si vieta “all’interno degli edifici condominiali quando, a seguito delle consentite verifiche della Polizia Municipale, venga accertato che essa provochi disturbo alla tranquillità degli altri residenti o offenda la civile convivenza per le modalità con cui essa si svolge“.

Il regolamento contiene diverse disposizioni: per la tutela dei monumenti, dei parchi ma anche sul corretto conferimento dei rifiuti, sulla tutela degli animali, sulle emissioni sonore nelle abitazioni private. E le multe possono arrivare fino ai 500 euro. Tra le attività vietate, quella di “praticare giochi, gare di qualsivoglia genere sulle strade pubbliche o aperte al pubblico transito, compresi marciapiedi e i portici, quando possono arrecare intralcio o disturbo, costituire pericolo per sé o per altri, procurare danni a persone o cose“. Vietati anche lavavetri, parcheggiatori abusivi, nonché l’esercizio di mestiere girovago, se non autorizzato in determinate aree, quali disegnatore, pittore, scrittore, narratore, rigattiere, acrobata, cantante. Particolare attenzione viene riservata alla vendita e al consumo di alcol. In particolare “è fatto divieto di vendere per asporto, in forma ambulante ovvero attraverso apparecchi automatici qualsiasi bevanda alcolica e superalcolica tutti i giorni dalle ore 22.00 fino alle ore 6:00 del giorno successivo così come è vietato per gli esercizi commerciali di vicinato, alle medie e grandi strutture, di vendere bevande alcoliche e superalcoliche da asporto dalle ore 24:00 alle ore 6:00“. Non solo, “dalle ore 24.00 alle ore 6.00 nelle strade pubbliche o aperte al pubblico è altresì vietato il consumo di qualsiasi bevanda alcolica e superalcolica in qualsiasi tipo di contenitore“.

Leggi anche