Skip to content

Nocera Inferiore, morta durante la gita: chiesta l’archiviazione

di Salvatore De Napoli
Secondo il pubblico ministero fu una fatalità il decesso della giovane Elia Caroccia, caduta dal sentiero dei "Fringuelli" a Roccamandolfi
Nocera Inferiore, morta durante la gita: chiesta l’archiviazione

Fu una fatalità la morte di Elia Caroccia, la sfortunata 32enne di Nocera Inferiore, morta il 20 agosto cadendo dal sentiero dei “Fringuelli” subito dopo il ponte tibetano di Roccamandolfi, in provincia di Isernia. Non ci sarebbero responsabilità, per la procura molisana, nella tragedia che ha portato alla morte la giovane nocerina, che insieme ad alcuni amici aveva deciso di trascorre una domenica in montagna, con un’escursione su una delle principali attrattive della regione negli ultimi anni.

Le indagini

Approfondite le indagini della Procura di Isernia, all’inizio contro ignoti, ma poi avevano visto, come atto dovuto, finire sul registro degli indagati il sindaco di Roccamandolfi, in quanto il Comune è proprietario del sentiero dove è avvenuta la tragedia. In base agli elementi raccolti, il procuratore di Isernia, Carlo Fucci, ha chiesto l’archiviazione dell’indagini ed ora il Gip dovrà dare il suo benestare o chiedere che si facciano ulteriori attività investigative o procedere con un’imputazione coatta.

Leggi anche