Skip to content

Ululati razzisti, chiuso lo stadio dell’Angri

di Alfonso Romano
Cori discriminatori verso Diop del Casarano. Niutta inibito per schiaffo a un avversario
Ululati razzisti, chiuso lo stadio dell’Angri

Cori razzisti nei confronti di Momar Diop nella gara contro il Casarano. È l’accusa rivolta ai tifosi dell’Angri e che ha portato il Giudice Sportivo a chiudere per un turno la tribuna dei grigiorossi per la prossima partita casalinga.

La multa

Per la società del patron Raffaele Niutta – il presidente grigiorosso è stato inibito fino al prossimo 16 aprileper avere nel corso dell’intervallo colpito un tesserato avversario con uno schiaffo al volto”, si legge nel comunicato del Giudice Sportivo – anche duemila euro di multa dopo gli ululati razzisti nei confronti del diciottenne giocatore del sodalizio pugliese che si sono scatenati nell’ultimo match allo stadio “Novi”. Una delle tifoserie più belle e presenti in tutta la serie D d’Italia infangata dagli atti aberranti di un piccolo nucleo di persone.

Leggi anche