Skip to content

Pontecagnano Faiano, furti di auto al “Maximall”: arrestato

di Carmine Landi
Di Lorenzo ai domiciliari, indagato Donniacuo: i sette colpi in meno di un mese ricostruiti dopo il raid a Ribéry
Pontecagnano Faiano, furti di auto al “Maximall”: arrestato

Il furto della Fiat 500 guidata da Franck Ribéry. Di lì hanno preso piede le investigazioni che hanno portato i carabinieri della Stazione di Pontecagnano Faiano (maresciallo capo Dario Santaniello), coordinati dalla Compagnia di Battipaglia (capitano Samuele Bileti), a fare chiarezza sulla raffica di furti d’auto perpetrati nel parcheggio del “Maximall” tra maggio e giugno dello scorso anno. Ai domiciliari è finito Antonio Di Lorenzo, classe ‘84, di Nocera Superiore: effetti dell’ordinanza firmata dal gip Piero Indinnimeo, che ha raccolto parzialmente l’istanza di misure cautelari avanzata da Licia Vivaldi, pm titolare delle indagini preliminari.

La decisione

Il sostituto, infatti, aveva richiesto la restrizione in abitazione pure per Antonio Donniacuo, classe ‘78, di Montoro Inferiore, ma a carico dell’irpino il giudice non ha ravvisato la sussistenza d’una gravità indiziaria tale da giustificare l’applicazione d’un provvedimento di prevenzione: troppe, a suo dire, le incertezze sull’identificazione. Nessun dubbio, invece, sul nocerino (assistito dall’avvocato Mario Gentile), ripreso chiaramente dai filmati delle telecamere di videosorveglianza esaminati dai carabinieri picentini, capaci di ricostruire ben sette furti d’auto perpetrati tra il finir di maggio e l’inizio di giugno ai piedi del centro commerciale di via Pacinotti.

Leggi anche