Skip to content

Eboli, decesso Lamberti: i Sis nella sua stanza

di Francesco Faenza
Perquisita l’abitazione dove viveva il 60enne trovato morto a fine gennaio in avanzato stato di decomposizione
Eboli, decesso Lamberti: i Sis nella sua stanza

Ancora un sopralluogo in località San Miele, nell’abitazione dove è stato trovato morto Orazio Lamberti a fine gennaio. La Sezione Investigazioni Scientifiche (Sis) giunta da Salerno ha setacciato palmo a palmo la stanza dove viveva il 60enne. Descritto come una persona solitaria, a quanto pare Lamberti aveva pochi rapporti anche con i parenti che condividevano lo stesso stabile. I Sis avrebbe perquisito la stanza di Lamberti, prelevando bottiglie e altri oggetti che ora saranno analizzati nei minimi dettagli.

Dall’esame degli oggetti acquisiti, si deciderà poi se proseguire o archiviare le indagini. L’arrivo degli investigatori salernitani non è passato inosservato a San Miele. Nella zona agricola di Eboli erano presenti anche i carabinieri di via Dalla Chiesa, agli ordini del capitano Greta Gentili. I militari giunsero il 31 gennaio scorso nell’abitazione di Lamberti, dove trovarono la salma del 60enne, in stato di decomposizione. Accanto al deceduto, c’erano i medici del 118. Increduli. Erano stati allertati per una crisi respiratoria. Si erano imbattuti in un uomo morto già da tre o quattro giorni. La finestra della stanza chiusa e una stufa accesa da un numero incerto di ore, avrebbero accelerato il processo di decomposizione.

Leggi anche