Skip to content

Alta Velocità, 100 milioni per gli espropri

di Erminio Cioffi
Saranno demoliti 103 immobili, “liberati” 1400 terreni. Otto i Comuni interessati dal cantiere
Alta Velocità, 100 milioni per gli espropri

Entra nel vivo la procedura che porterà all’esproprio di terreni ed immobili nelle aree del Vallo di Diano interessate dal passaggio della linea ferroviaria dell’Alta Velocità Salerno – Reggio Calabria. Nei giorni scorsi Rete Ferroviaria Italiana ha ufficializzato l’indizione della Conferenza dei servizi per l’avvio del procedimento finalizzato all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio o all’asservimento sulle aree interessate dai lavori. Ammonta a cica 100 milioni di euro la spesa necessaria per espropriazioni di case, immobili di altro tipo e terreni, asservimenti e occupazioni temporanee non preordinate all’espropriazione che interesseranno gli 8 comuni del Vallo di Diano che saranno attraversati dalla linea ferroviaria.

Un progetto che prevede una spesa complessiva di 8 miliardi di euro e che dovrebbe vedere l’inizio dei lavori nel 2025 la cui ultimazione è prevista per il 2032. I comuni del Vallo di Diano interessati dai provvedimenti di esproprio sono Sala Consilina, Polla, Atena Lucana, Montesano sulla Marcellana, Padula, Sassano, Sant’Arsenio e Casalbuono. Complessivamente i provvedimenti di esproprio, asservimento o occupazione temporanea sono 1518 e tra questi ci sono 103 immobili, molti di questi sono case, diverse delle quali attualmente abitate. In tutti gli altri oltre 1400 casi si tratta di terreni, vigneti, prati e pascoli.

Leggi anche