Skip to content

Nocera Inferiore, spaccio di cocaina nella movida: 2 arresti

Controlli di Polizia e Guardia di Finanza nelle strade del divertimento notturno
Nocera Inferiore, spaccio di cocaina nella movida: 2 arresti

Controlli interforze nel corso della movida a Nocera Inferiore: due arresti per spaccio di droga. Durante i servizi predisposti dal Questore di Salerno, agenti di polizia e militari della Compagnia cittadina della Guardia di Finanza, hanno tratto in arresto E.R., 45enne e C.G. 35enne, entrambi di Nocera Inferiore, perché colti nella flagranza mentre spacciavano sostanze stupefacenti.

L’operazione è scattata dopo aver visto alcuni giovani fermi sulla strada e visto che uno di questi si era avvicinato, in modo guardingo, ad un’autovettura, si accorgeva che questi aveva ricevuto qualcosa dal passeggero dell’auto. Intuito che potesse trattarsi di uno scambio non lecito, immediatamente i poliziotti si organizzavano per bloccare sia il giovane che gli occupanti dell’auto che, nel frattempo, cercavano di allontanarsi repentinamente dal luogo.

Così fermato e controllato, l’uomo appiedato veniva trovato in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente; immediatamente dopo veniva intercettata in una via adiacente anche l’auto, il cui autista tentava di eludere il fermo, con una repentina manovra in retromarcia. In quei frangenti, il passeggero anteriore cercava di disfarsi di un contenitore, prontamente recuperato dai poliziotti, al cui interno si accertava la presenza di 17 involucri di cellophane contenenti altra sostanza stupefacente. I successivi accertamenti, mediante “narcotest”, effettuati presso il laboratorio di Polizia Scientifica, confermavano che si trattasse di cocaina.

Per quanto accertato, i passeggeri dell’autovettura erano dichiarati in stato di arresto, mentre all’assuntore della sostanza stupefacente era contestata la relativa violazione amministrativa. All’esito dell’udienza di convalida dell’arresto,uno degli indagati veniva sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre a carico dell’altro veniva applicato il divieto di dimora nella Provincia di Salerno.

Leggi anche