Skip to content

Eboli, decesso Atrigna: cinque medici indagati

La Procura di Nocera Inferiore ha ipotizzato il reato di omicidio colposo per un primario e quattro camici bianchi
Eboli, decesso Atrigna: cinque medici indagati

Il pm Roberto Lenza ha iscritto un primario e quattro medici nel registro degli indagati. I cinque operatori sanitari dell’ospedale di Nocera Inferiore sono accusati di omicidio colposo per la morte di Annamaria Atrigna, di 41 anni. La paziente, madre di tre figli, è deceduta dopo due interventi alla testa. Lunedì mattina, in Procura a Nocera, verrà dato l’incarico a un medico legale di procedere all’autopsia sulla salma della giovane mamma ebolitana.

La nomina del legale

La famiglia Atrigna-Busillo ha nominato l’avvocato Carlo Maria Consalvo come legale di fiducia. La stessa facoltà verrà ora riconosciuta ai medici indagati che potranno a loro volta nominare un medico legale di parte per l’esame autoptico. Presumibilmente, martedì prossimo, la salma di Annamaria verrà tumulata al cimitero. Dopo il funerale, infatti, i familiari hanno presentato una denuncia ai carabinieri. C’erano troppi punti oscuri, troppi nodi da sciogliere. Difficile da accettare un dramma di questa portata.

Leggi anche