Skip to content

Forestale, 83mila controlli in Campania

Nel mirino delle forze dell'ordine 101 attività: task force anche nel Salernitano. Le denunce sono state 29
Forestale, 83mila controlli in Campania

Escavazioni abusive sono state bloccate nel Torrente Miscano nel Sannio e nel fiume Pecce e nel Casertano. Sequestri di cave abusive, come per la cava di pozzolana di 8.000 metri nel Casertano e della cava di calcare in provincia di Salerno. I reati urbanistico paesaggistici segnalati sono stati 662 con 149 sequestri. Sono continuati i controlli sulla gestione dei reflui zootecnici, principale causa d’inquinamento delle acque in provincia di Caserta per effetto dell’illecito smaltimento sul suolo e successivo ruscellamento.

I numeri

Complessivamente sono 47 gli allevamenti controllati con 29 deferimenti all’autorità giudiziaria per criticità ambientali, soprattutto a danno della falda del bacino del fiume Volturno. Analoga azione è svolta in provincia di Salerno. Diversi i sequestri di Frantoi oleari (acque di vegetazione inquinanti) per scarichi sul suolo o in fognatura. Intensa la programmazione di controlli sugli scarichi, in raccordo con il Gruppo CC per la Tutela Ambientale di Napoli, nell’ambito del bacino del fiume Sarno, con il coordinamento delle Procure della Repubblica di Torre Annunziata, Nocera Inferiore e Avellino, ed il supporto dei tecnici dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania: 101 le attività controllate, 52 i deferimenti, con 22 sequestri con oltre 102110 di sanzioni amministrative elevate. A livello regionale sono stati effettuati 875 controlli con 180 notizie di reato e 96 illeciti amministrativi contestati, per un importo notificato di 249136 euro.

Leggi anche