Skip to content

Ravello, nuovamente transitabile la ex regionale 373

La Procura ha autorizzato il dissequestro del tratto in cui perse la vita Nicola Fusco
Ravello, nuovamente transitabile la ex regionale 373

La Procura di Salerno ha finalmente autorizzato il dissequestro parziale del tratto che parte dal chilometro 3 della ex regionale 373, che collega Ravello al bivio di Castiglione, teatro lo scorso 8 maggio dell’incidente costato la vita al 28enne autista di Agerola Nicola Fusco. Un atto prodotto ieri e firmato dal sostituto procuratore Carlo Rinaldi, titolare dell’inchiesta, autorizza allo spostamento delle barriere che restringono attualmente la carreggiata, con il posizionamento di nuove barriere new jersey.

Strada aperta al traffico per la ripresa della scuola

Già lo scorso 28 settembre la Provincia di Salerno aveva avanzato l’ipotesi di arretramento delle barriere in calcestruzzo che delimitano l’area sequestrata, per consentire il passaggio di mezzi superiori agli otto metri di lunghezza, rendendo possibile il ripristino delle corse del trasporto pubblico Sita Sud sulla linea Ravello-ScalaAmalfi, per mettere fine ai disagi con cui sono costretti a convivere, da oltre sei mesi, la popolazione residente e anche i turisti. Già da martedì prossimo, 2 gennaio, la Provincia potrebbe dare inizio agli interventi. L’auspicio è che dal prossimo 8 gennaio, giorno in cui riprenderà l’anno scolastico, possano essere ripristinate le regolari corse Sita. Il servizio alternativo al trasporto pubblico con minibus Riccitelli è stato è garantito dal Comune di Ravello fino allo scorso 23 dicembre.

Leggi anche