Skip to content

Eboli, assistenti sociali aggredite

di Antonio Elia
L’episodio è avvenuto nel rione Paterno nel cortile della palazzina Acer danneggiata dall'incendio di martedì
Eboli, assistenti sociali aggredite

Aggredite due assistenti sociali. Tensione al rione Paterno, nel cortile del palazzo Acer danneggiato da un incendio. L’episodio è avvenuto ieri mattina. Protagonista dell’aggressione è un ebolitano imparentato con una persona sgomberata. «Siamo state aggredite in maniera strumentale da un non residente della zona che aizza le persone contro il Comune, chiedendo nuove case, arredamenti, acquisto di vestiti, benefit economici» spiega un’assistente sociale. Tutte richieste a spese del Comune che non è nemmeno proprietario dell’immobile danneggiato dal rogo.

L’intervento dei militari

A difendere le assistenti socali, in zona si sono precipitati i carabinieri con il maresciallo Giuseppe Botta e il capitano Greta Gentili. Nel vedere i militari, l’uomo ha cambiato atteggiamento: «Di fronte ai carabinieri non ha più parlato» spiegano le dipendenti comunali. L’episodio spiacevole potrebbe finire in tribunale, se le due assistenti sociali presenteranno denuncia.

Il dramma

Nel dramma degli sfollati c’è chi soffia sul fuoco. Pochi giorni fa il sindaco Mario Conte era stato perentorio: «Le case in piazza Regione Campania sono destinate ad altre famiglie. Le persone sgomberate al Paterno per motivi di sicurezza, rientreranno a breve nell’immobile».

Leggi anche