Skip to content

De Luca vuole denunciare il Governo: «Abuso di potere»

Il presidente della Regione Campania contro il ministro Fitto: «Fondi bloccati per 6 miliardi, ce li dia in un mese o lo quereliamo»
De Luca vuole denunciare il Governo: «Abuso di potere»

“Ieri abbiamo inviato per la terza volta la lettera al ministro per la coesione per chiedere di aprire il rapporto con la Campania sull’Fsc. Abbiamo fatto tutta la trafila che ci è stata chiesta, mesi perduti su burocrazia stupida e ora abbiamo scritto che se non avremo il finanziamento in un mese ci rivolgiamo alla magistratura sul ministro Fitto e il suo ministero”. Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella diretta Facebook, dicendo che “viviamo una vita istituzionale dura nel dialogo con il Governo, che non ha capacità amministrativa e vive una delinquenza politica”.

L’attacco

De Luca spiega che in assenza di risposte la Campania sporgerà denuncia “per diffamazione e abuso di potere, perché pensano di poter ricattare questa Regione. Gli esponenti di questo Governo pensano di gestire le istituzioni sul territorio come farebbe una società privata, ma non va così, serve rispetto per i cittadini di ogni istituzione. I fondi del Fsc bloccati sono un danno per centinaia di comuni della Campania, in tutto parliamo di 6 miliardi di euro, su cui lavoriamo negli anni e dai quali abbiamo già deciso di distribuire 500 milioni per molti Comuni su sicurezza stradale, verde e cultura”.

I ritardi

De Luca ha sottolineato anche che “c’è un altro ritardo nel rapporto con il Governo sui fondi dell’articolo 20 di legge dell’88 sull’edilizia ospedaliera. Abbiamo avuto l’ok nazionale del nostro piano tecnico, l’ok dal ministro della salute e ora il ministro ha inviato il programma della Regione al ministero dell’economia per la firma. Poi serve avere il visto della conferenza Regioni, parliamo di 1,5 miliardi di euro per tante opere nuove dal nuovo Santobono di Napoli, agli ospedali di Salerno, Giugliano e Nola. Tutto ancora paralizzato in una palude burocratica che questo Governo non riesce a prosciugare”.

Leggi anche