Skip to content

Carcere di Salerno, detenuto armato di lametta aggredisce agenti

Il recluso ha anche provato ad evadere
Carcere di Salerno, detenuto armato di lametta aggredisce agenti

Ancora violenza nel carcere di Salerno: detenuto armato di lametta aggredisce gli agenti penitenziari. L’uomo, dopo aver picchiato i secondini, ha provato anche un’improbabile fuga. A denunciare l’ennesimo episodio sono i sindacati penitenziari Sinappe, Osapp, Uil Pa PP, Uspp Fns Cisl e Cnpp in una nota congiunta nella quale chiedono, tra l’altro, “un intervento energico del governo e dell’Amministrazione centrale al fine di individuare idonee soluzioni tese ad alleviare le difficili condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari e ad arrestare questa inammissibile ondata di aggressioni fisiche che mettono a repentaglio l’incolumità dei lavoratori e la sicurezza delle carceri“.

Due aggressioni la scorsa settimana

Stiamo assistendo inermi ad una carneficina – aggiungono i sindacati – meno di una settimana fa, sempre a Salerno, un altro poliziotto era stato aggredito riportando la frattura di un braccio. Questi ultimi episodi si aggiungono alla recentissima aggressione della Comandante del carcere di Salerno, a conferma del fatto che non si tratta più di episodi isolati, ma di un fenomeno in progressiva crescita che non può più essere considerato ‘fisiologico’, ma necessita di azioni di contrasto efficaci ed immediate“, conclude il comunicato.

Leggi anche