Skip to content

Un distretto dell’idrogeno in Campania

Presentati all'Università i progetti della Regione per incrementare l'utilizzo di energia pulita nelle imprese e nei trasporti
Un distretto dell’idrogeno in Campania

Una “hydrogen valley” in Campania. Se ne è discusso stamani all’Università di Salerno dove sono stati presentati i progetti della Regione per sostenere l’uso dell’idrogeno verde. Tra i settori di applicazione imprese e trasporto pubblico locale. L’obiettivo è quello di dar vita a una sorta di distretto dell’idrogeno.

Le potenzialità

L’idrogeno verde sta godendo di un grande slancio con progetti in espansione in tutto il mondo. L’interesse cresce con il calo dei costi dell’elettricità rinnovabile, in particolare solare fotovoltaica ed eolica. L’Italia, tramite l’investimento 3.1 – Produzione di idrogeno in aree industriali dismesse nell’ambito del Pnrr, intende incentivare la produzione di idrogeno elettrolitico a partire da fonti di energia rinnovabile dando vita ad almeno 10 hydrogen valleys.

Le iniziative della Regione

Qui entra in gioco la Regione Campania, pronta a cogliere l’opportunità di sfruttare alcune zone territoriali per installare sistemi di elettrolizzatori alimentati a energia rinnovabile. Con l’avvio e la realizzazione dei progetti selezionati sarà possibile sostenere la produzione e l’uso a livello locale di idrogeno verde nell’industria, nelle Pmi e nel trasporto locale. Altro obiettivo è promuovere il riutilizzo delle aree industriali inutilizzate e a favorire la ripresa economica delle economie locali, destinandole a unità sperimentali per la produzione di idrogeno in impianti Fer locali. Si punta a incentivare la produzione di idrogeno elettrolitico a partire da fonti di energia rinnovabile o dall’energia elettrica di rete.

La giornata

Dopo i saluti del rettore di Unisa, Enzo Loia, e del direttore del dipartimento di Ingegneria industriale, Roberto Pantani, ha aperto i lavori Lucio Ippolito, responsabile scientifico del Conventional & Renewable Energy Applications Laboratory del dipartimento di Ingegneria industriale. Sono intervenuti Francesca De Falco, dirigente del settore Energie rinnovabili della Regione; Luca Cascone, presidente della IV Commissione (Urbanistica, Trasporti e Lavori Pubblici) della Regione Campania; Umberto De Gregorio, amministratore delegato Ente Autonomo Volturno s.r.l; Andrea Annunziata, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno centrale; Emilo De Vizia, presidente Confindustria Avellino.

Leggi anche