Skip to content

Cpr di Milano, nei guai società di Pontecagnano: «Servizi pattuiti mai elargiti»

Questa mattina la perquisizione della Guardia di Finanza
Cpr di Milano, nei guai società di Pontecagnano: «Servizi pattuiti mai elargiti»

Simulavano o non li prestavano in maniera sufficiente servizi pattuiti con la Prefettura di Milano. E’ la contestazione dei pm Paolo Storari e Giovanna Cavalleri, coordinati dalla procuratrice aggiunta Tiziana Siciliano, nei confronti degli amministratori di Martinina, la società di Pontecagnano Faiano che gestisce il Cpr di Milano.

Tra le carenze più deficitarie emergono dalle verifiche del nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle le «prestazioni sanitarie specialistiche raramente effettuate per mancanza di fondi» e la «mancanza di medicinali». E ancora il «servizio di ausilio psicologico/psichiatrico, largamente insufficiente e fornito da personale che non conosce le lingue parlate dagli ospiti del Cpr» e quello legale «assente».

Leggi anche