Skip to content

Visconti: «Fonderie Pisano nell’Area Asi? Non c’è posto»

di Eleonora Tedesco
Ennesimo stop alla delocalizzazione dell’impianto di Fratte, barricate a Buccino
Visconti: «Fonderie Pisano nell’Area Asi? Non c’è posto»

Nessun pregiudizio rispetto alle “Pisano” ma nell’area industriale di Salerno non c’è posto per lo stabilimento in cerca di un nuovo sito per la delocalizzazione. La risposta all’amministratore delegato delle Fonderie, Ciro Pisano, arriva dal presidente del Consorzio Asi, Antonio Visconti. Il numero uno dello stabilimento di via dei Greci, infatti, aveva affidato ai consiglieri comunali della commissione Ambiente un appello a supportare la delocalizzazione dell’azienda di via dei Greci, a Fratte, esercitando pressioni per superare i veti che arrivano da Buccino (destinazione del nuovo stabilimento) oppure individuando un’area nel territorio cittadino.
Il pensiero, quindi, è andato verso la zona industriale della città che, almeno sulla carta, sembrerebbe la destinazione naturale.

Situazione complessa

«In linea astratta – spiega il presidente del Consorzio Asi, Visconti – non esistono limitazioni settoriali, quindi, in base a quelle che potrebbero essere le esigenze di spazio delle Fonderie non ci sarebbe alcuna preclusione, rispetto al fabbisogno si potrebbero individuare le superfici». In concreto, però, argomenta Visconti, la situazione è ben più complessa perché, «stando al Piano regolatore della zona Asi, in questo momento, l’agglomerato industriale risulta essere saturo». Un problema che non riguarda soltanto le fonderie Pisano perché sia l’avvio delle Zone economiche speciali che il decollo dell’aeroporto di Pontecagnano “Costa d’Amalfi” «hanno rinnovato l’interesse per il nostro territorio, quindi abbiamo chiesto alla Regione Campania e alla Provincia di Salerno di avviare un ragionamento per ampliare la zona Asi».

Leggi anche