Skip to content

Bonus del Governo, scadenze e come risparmiare fino al 2025

Tutte le date entro cui presentare le domande
Bonus del Governo, scadenze e come risparmiare fino al 2025

Il Governo ha emanato tanti bonus e incentivi indirizzati alle famiglie meno abbienti, ma anche alla totalità della popolazione. Bonus che con gli sgravi fiscali e le detrazioni dal 730 già esistenti e che permettono a molti di conseguire risparmi consistenti. Ma determinate agevolazioni saranno disponibili solo fino al prossimo 31 dicembre 2023, alcuni sono stati prorogati pure per il 2024 e il 2025.
Di seguito il calendario delle prossime scadenze.

Scadenze al 31 dicembre 2023

  • Bonus occhiali: 50 euro per chi ha un’Isee fino a 10 mila euro, da spendere per l’acquisto di occhiali o lenti da vista
  • Superbonus 110%: per gli interventi realizzati nei condomini se la delibera dei lavori è stata fatta entro il 18 novembre 2022 e la Cila è stata presentata entro il 31 dicembre 2022 oppure se sono stati presentati i documenti necessari entro il 25 novembre 2022 per delibere successive al 19 novembre. Oltre questa data la detrazione del 110% passa al 70%.
  • Superbonus 110%: per gli interventi realizzati nelle palazzine composte da 2 a 4 unità immobiliari di proprietà di una persona fisica se sono stati presentati i documenti necessari entro il 25 novembre 2022. Oltre questa data la detrazione del 110% passa al 70%.
  • Superbonus 90%: per gli interventi realizzati sulle abitazioni singole da parte di contribuenti con reddito di riferimento inferiore a 15.000 euro ed esclusivamente per lavori fatti sull’abitazione principale, per i condomini e per le palazzine composte da 2 a 4 unità immobiliari di proprietà di una persona fisica che non rientrano nel caso precedente.
  • Bonus acqua potabile: un credito d’imposta del 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento ed addizione di anidride carbonica.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici: si recupera il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili e/o elettrodomestici destinati all’arredo di una casa ristrutturata. La spesa massima consentita è di 8.000 euro. Dal 2024 la spesa massima passa a 5.000 euro.
  • Bonus Iva case green: si recupera il 50% dell’Iva pagata per l’acquisto di immobili di nuova costruzione che appartengano alla classe energetica A o B, sottoforma di credito d’imposta da indicare nella dichiarazione dei redditi.
  • Bonus auto: da 2 mila a 7.500 euro di contributo per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni.
  • Bonus prima casa under 36: esenzione dal pagamento delle imposte per chi ha meno di 36 anni e un Isee di massimo 40 mila euro in caso di acquisto della prima casa.

Scadenze al 31 dicembre 2024

  • Bonus dipendenti: erogato a discrezione dell’azienda vale fino a 2 mila euro in benefit.
  • Bonus part time: un contributo di 550 euro a sostegno di chi ha svolto lavoro part time nel 2023.
  • Bonus asili nido: fino a 3.600 euro per le famiglie con almeno due figli.
  • Bonus auto sicure: un contributo di 9,95 euro per chi deve revisionare un veicolo.
  • Bonus casa: detrazione del 50% su una spesa massima di 96.000 euro per gli interventi di ristrutturazione edilizia effettuati su singole case o su condomini. Oltre questa data la detrazione sarà del 36% su una spesa di 48.000 euro massimi.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici: si recupera il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili e/o elettrodomestici destinati all’arredo di una casa ristrutturata. La spesa massima consentita è di 5.000 euro.
  • Bonus verde: si recupera il 36% della spesa sostenuta per un massimo di 5.000 euro per la sistemazione di aree verdi private o condominiali.
  • Ecobonus: si recupera dal 50% al 65% della spesa sostenuta per interventi di ristrutturazione che comportano una riqualificazione energetica dell’immobile. La spesa massima varia per il tipo di intervento. Oltre questa data la detrazione è del 36% per una spesa massima di 48.000 euro (bonus condizionatori, bonus zanzariere, bonus tende…).
  • Superbonus 70%: per gli interventi realizzati nei condomini e nelle palazzine composte da 2 a 4 unità immobiliari di proprietà di una persona fisica. Oltre questa data la detrazione del 70% passa al 65%.
  • Bonus colonnine di ricarica: copre l’80% della spesa sostenuta per l’acquisto e la posa in opera di colonnine di ricarica per veicoli elettrici.
  • Social card “dedicata a te”: contributo una tantum di 382,50 euro per le famiglie con Isee fino a 15 mila euro.
  • Bonus Irpef: confermati anche nel 2024 fino a 1.200 euro per i lavoratori dipendenti che guadagnano tra 15 e 28 mila euro lordi annui.

Scadenze al 31 dicembre 2025

  • Superbonus 110%: per gli interventi realizzati su immobili siti nei Comuni dei territori colpiti da eventi sismici a partire dal 1° aprile 2009.
  • Superbonus 65%: per gli interventi realizzati nei condomini e nelle palazzine composte da 2 a 4 unità immobiliari di proprietà di una persona fisica.
  • Bonus barriere architettoniche: si recupera il 75% della spesa sostenuta per interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche.
  • Reddito energetico: bonus per l’acquisto e l’installazione di impianti fotovoltaici per le famiglie con Isee inferiore a 15 mila euro

Leggi anche