Bimbi maltrattati nella scuola materna a Sant’Egidio del Monte Albino, due donne nei guai

La sezione di polizia giudiziaria presso la Procura di Nocera Inferiore stamane ha eseguito due misure cautelari interdittive della durata di un anno, per il reato di maltrattamenti, notificate a G.F. e F.M., socia e collaboratrice scolastica della scuola materna “Tempi d’Infanzia” di Sant’Egidio del Monte Albino. All’esito delle indagini, le due donne si sarebbero rese protagoniste di “rinnovate e sistematiche minacce, percosse e violenze, gravi coercizioni e punizioni inflitte in danno dei bambini alle medesime affidati”. Nel corso dell’anno scolastico 2017/2018 le due insegnanti abilitate, proprio per questi comportamenti, si erano licenziate non sopportando il ricorso sistematico alla violenza, sia psicologica sia fisica, messa in atto dalle due donne che, per l’ultima parte dell’anno scolastico, erano rimaste da sole all’interno della scuola senza personale qualificato (sul punto vi sono approfondimenti in corso). L’indagine diretta dal sostituto procuratore Viviana Vessa, trae origine dalla denuncia dei genitori di due bambini e di una insegnante, nonché dalle dichiarazioni dell’altra maestra, oltre che dall’attività investigativa e dalle riprese video, captate all’interno della scuola, dal personale di polizia giudiziaria coordinata dal sostituto commissario Vincenzo Battipaglia. I comportamenti, come evidenziato dal gip del Tribunale di Nocera Inferiore, Leda Rossetti, “non erano isolati, ma venivano ripetuti nel tempo nei confronti di tutti i minori, con particolare riferimento ad alcuni di loro e costituivano risposte certamente sproporzionate rispetto alle cause ed alle finalità perseguite”. LEGGI: Due maestre violente sospese per un anno nel Salernitano

Prima pagina

venerdì, 18 settembre 2020

Opinioni

L’agguato al prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa

di Enzo Todaro

I “cento giorni” contro la mafia

Tommaso Biamonte, la passione, la politica: storia di un comunista

di Carmine Pinto

Da giovanissimo la netta scelta di vita della militanza e dell’impegno sociale. Protagonista della Repubblica dei partiti di massa nell’Italia del dopoguerra

Il saluto alla cagnolina “Nefertiti”

di Nicola Di Bianco

Il segno nel sogno del profeta Isaia

Elezioni 2020, la sfida del cambiamento: non si vince con il bonus

di Antonio Manzo

Ben tre aspiranti alla presidenza della Giunta regionale sono gli stessi di cinque anni fa

Il sonno della ragione e i “mostri”

di Francesco A. Cacciatore

Quando la politica diventa un virus

Sport

Spadafora e i tifosi granata: «Leggerò la loro lettera»

«Multiproprietà? Proverò a capire meglio il problema. Stadi per ora ancora chiusi»

Riaprono gli stadi, Parma-Napoli con il pubblico

La decisione del presidente della Regione Emilia-Romagna: 1000 spettatori per la sfida di campionato

Prima trasferta stagionale, la Jomi sfida la matricola Santarelli Cingoli

La compagine allenata da coach Laura Avram sarà infatti di scena domani (19 settembre) alle ore 18 

Cultura e Spettacoli

Lingua dei segni, il primato campano: la portano sul palco Notari e Chirico

Musica, danza, teatro e lingua dei segni italiana, si fondono, il tutto interamente live, con brani e testi editi ed inediti

Templi, musica, sapori: così il maestro Dorfles s’innamorò di Paestum

Il pittore approdò a Capaccio grazie alla Di Geronimo e Lista
 

Salerno ritrova San Matteo nelle fotografie

Parte la mostra sul restauro del panno dimenticato per 49 anni. I ritratti “racconto” di Cerzosimo e i ricordi di Pellecchia