Skip to content

Presso la BCC Monte Pruno presentato il nuovo progetto teatrale “Mi ricordo…”

Presso la BCC Monte Pruno presentato il nuovo progetto teatrale “Mi ricordo…”

La Sala Cultura della BCC Monte Pruno a Sant’Arsenio ha ospitato, stamane, la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo teatrale-musicale “Mi ricordo… un viaggio tra oggetti e cinema, passando dalla musica al teatro…” promosso dall’Associazione Culturale “Sant’Arsenio, ieri, oggi e domani”.

L’evento vede il patrocinio del Comune di Sant’Arsenio, della Fondazione Monte Pruno e del Circolo Banca Monte Pruno, la collaborazione di “Cassiopea”, “Conad” e dell’Associazione “A luna & o sole”.

La conferenza stampa, introdotta e moderata dalla giornalista Federica Pistone, ha visto gli interventi di Michele Albanese, Presidente della Fondazione Monte Pruno, Donato Pica, Sindaco del Comune di Sant’Arsenio, Antonio Biscotti, Imprenditore, Aldo Rescinito, Presidente del Circolo Banca Monte Pruno, Luigi Biscotti e Franco Antonazzo, attori ed ideatori dello spettacolo, i maestri Giosi Cincotti e Viviana Palladino, Antonella Pepe, Presidente Associazione Musicale “Amici della Musica”.

Lo spettacolo vedrà accanto agli attori protagonisti, Luigi Biscotti e Franco Antonazzo, musicisti di grande prestigio come Giosi Cincotti, al pianoforte, tastiere e direzione musicale, Mariano Caiano, voce e percussioni, Alfonso D’Avino, chitarre, Francesco Pecora, basso, e Rocco Romano alla batteria.

È prevista, altresì, la partecipazione del Coro “Amici della Musica di Sant’Arsenio”, diretto dalla M° Viviana Palladino.

Gli spettacoli sono previsti il 6 ed il 7 aprile p.v. presso il Teatro Comunale “G. Amabile” a Sant’Arsenio.

Continuate – ha affermato il Presidente Michele Albanese – a fare cultura per il bene di Sant’Arsenio e del territorio. Il teatro è uno straordinario strumento per stare insieme e promuovere i veri valori di una comunità. Sappiate che noi ci saremo sempre per iniziative che mettono al centro la cultura, la crescita e la coesione della nostra società, che ha grande bisogno di sentirsi una comunità anche grazie a queste iniziative“.

Leggi anche