SERIE B

Salernitana, un mercato d'esperienza

Il Palermo vince contro il Frosinone nell'andata della finale playoff

SALERNO - Porta vuota. La Salernitana spera ancora di (ri)avere in prestito Boris Radunovic, però l’operazione è complessa, altrimenti si sarebbe già fatta, e così comincia a guardarsi intorno. È un ruolo chiave, il portiere, e va affidato a “mani” sicure. Il serbo ha fatto bene, nonostante le difficoltà iniziali. Raccoglieva, a sua volta, l’eredità pesante di Alfred Gomis, che grazie al semestre granata è riuscito a spiccare il volo prima verso la serie A e adesso addirittura per il Mondiale di Russia con la Nazionale del Senegal.

leggi anche: Daspo, la parola alle difese: «Legge del 1989 inattuale» Romano: «A Salerno tanti processi per omessa firma dopo gare amichevoli estive»

Ora c’è da consegnare una (nuova) certezza numero 1 a Stefano Colantuono. E allora si guarda a Parma, per esempio, dove Emiliano Viviano dovrebbe essere il titolare della prossima stagione nel massimo campionato, prendendosi il posto ch’era stato di Pierluigi Frattali. Ed è proprio sul 32enne ex Avellino che la Salernitana punta, consapevole che si balla su cifre molto alte. Non è trattativa semplice, insomma. Lo stesso discorso fatto per Frattali vale pure per Vid Belec, classe 1990, che la Sampdoria non è certa di riscattare e che dunque potrebbe rientrare per fine prestito a Benevento, con scarse probabilità di restarci. Però a sua volta guadagna parecchio. L'esperienza sembra essere la stella polare del mercato dei granata che a centrocampo proveranno a chiudere per Davide Gavazzi dell'Avellino e in attacco sondano Pablo Granoche.