GLI EVENTI

Torna la Cantata dei Pastori di Barra a Napoli

Giovedì al teatro Augusteo l’artista  protagonista in un classico

NAPOLI. Oltre ai mercatini natalizi tipici della città partenopea, non mancano appuntamenti culturali di rilievo.
Oggi c’è “Il giocatore” di Dostoevskij al Bellini, mentre giovedì Peppe Barra coinvolgerà il pubblico dell’Augusteo. Al Museo San Severo segreti e misteri dell’esoterismo con Martin Rua.
Oggi: Napoli, Teatro Bellini, ore 21. Scritto originariamente da Fëdor Dostoevskij in un solo mese, “Il giocatore” viene riletto e adattato per il teatro da Vitaliano Trevisan. I caratteri dei personaggi e le loro ossessioni verso il gioco sono molto simili a quelle che abbiamo oggi. Fino a domenica.
Napoli, Teatro Piccolo Bellini, ore 21.15. In scena “Immacolata Concezione”, spettacolo pluripremiato prodotto da Vuccirìa Teatro. Spiritualità e carnalità si incontrano in una collettività siciliana fatta di omertà, violenza e presunzione e dove molti equilibri vengono interrotti. Siamo nel 1940. Fino a domenica.
Domani: Pompei, Cappella Istituto ‘Bartolo Longo’. Fino al 7 gennaio sarà allestita la mostra “Bartolo Longo profeta di Maria a Pompei”, esposizione, composta da ventisei stampe d’epoca originali per celebrare l’impresa di Longo, un laico che per amore di Dio ha creato dal nulla una città. Possibilità anche di consultare i vecchi manuali conservati in biblioteca.
Giovedì: Napoli, Teatro Augusteo, ore 20. Peppe Barra si esibisce nel suo “La Cantata dei Pastori”, spettacolo scritto da lui con Paolo Memoli e liberamente ispirato alla sacra rappresentazione di Andrea Perrucci del 1698. Fino al 26 dicembre.
Venerdì: Napoli, Museo San Severo, ore 19.30. Appuntamento unico e riservato a sole 50 persone con Martin Rua, noto scrittore ed esperto della tradizione esoterica, che con il suo percorso “Simboli segreti della Cappella di San Severo” vuole svelare ai visitatori i culti tipici massonici e le fasi del procedimento alchemico.
Sabato: Napoli, centro storico, ore 18. Fino a notte fonda le vie del centro storico partenopeo ospiteranno “Notte d’arte 2017: Racconti, favole e leggende”, in cui la fantasia e la dimensione onirica di Napoli si esprimerà attraverso artisti, musica e negozi aperti.
Domenica: Napoli, Castel dell’Ovo, ore 10. “La favola delle Sirene” è un tour dedicato ai più piccoli. Fino alle 12.
William Biazzo
©RIPRODUZIONE RISERVATA .