viaggiavano con la droga in auto 

Tre marocchini arrestati dopo inseguimento

Sfuggono all’alt dei carabinieri e speronano l’auto di ordinanza: tre dei quattro marocchini che trasportavano droga sono stati arrestati dopo un lungo inseguimento sulla provinciale Aversana. Il...

Sfuggono all’alt dei carabinieri e speronano l’auto di ordinanza: tre dei quattro marocchini che trasportavano droga sono stati arrestati dopo un lungo inseguimento sulla provinciale Aversana. Il conducente dell’auto, il quarto uomo, è riuscito a sfuggire alla cattura dei carabinieri della compagnia di Eboli, diretta dal capitano Luca Geminale.
È accaduto domenica mattina, nell’agro della frazione Santa Cecilia, dove una pattuglia dell’Arma ha notato l’auto sospetta con i quattro nordafricani a bordo. Non è stato facile riuscire a fermare l’auto in corsa. L’autista ha pigiato subito sull’acceleratore appena ha incrociato la gazzella dell’Arma. L’inseguimento è durato oltre sei chilometri e non sono mancati momenti critici per la sicurezza dei due militari. Per ben due volte, infatti, il conducente dell’auto inseguita ha tentato di stringere la pattuglia sul bordo della carreggiata. L’intenzione era di mandare fuori strada i carabinieri per proseguire la fuga. Braccati dall’auto della benemerita, i marocchini hanno tentato il colpo della fuga a piedi. L’auto è entrata in una stradina interpoderale privata. Il conducente è riuscito a darsela a gambe levate. Stessa sorte non hanno avuto i tre complici che sono rimasti intrappolati e arrestati.
Dalle perquisizioni personale e dell’abitacolo è stato trovato il grosso quantitativo di stupefacenti. Nell’auto trasportavano quattro etti di droga suddivisa in hashish, marijuana e cocaina. Dopo le formalità di rito negli uffici della caserma, i tre arrestati sono stati accompagnati alle rispettive abitazioni in stato di arresti domiciliari. Devono rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Oggi sono attesi in tribunale a Salerno per l’udienza di convalida.
Massimiliano Lanzotto
©RIPRODUZIONE RISERVATA