L'INDAGINE

Scafati, una fattura incastra Roberto Barchiesi 

L’ex consigliere comunale sarebbe nel giro della società addette alla sanificazione

SCAFATI. La tesi del “sistema Scafati” potrebbe trovare conferma in altre dichiarazioni di Alfonso Loreto junior, ex rampollo dell’omonimo clan e attuale collaboratore di giustizia, e nei riscontri trovati tra alcune fatture emesse in favori di imprenditori che si servivano delle società vicine alla cosca per i servizi di pulizia e sanificazione delle propri aziende.
Un dettaglio non secondario, che arriva a pochi giorni dalla decisione della Cassazione sulla richiesta di arresto bis per l’ex sindaco Pasquale Aliberti, Luigi e Gennaro Ridosso. In questo caso viene tirato in ballo Roberto Barchiesi, ex consigliere comunale indagato dall’Antimafia nell’ambito dell’inchiesta “Sarastra” e ritenuto dagli inquirenti il “candidato a zero voti” su cui si sarebbe fondato il presunto voto di scambio tra i Loreto-Ridosso e i colletti bianchi della città scafatese.

Domenico Gramazio
©RIPRODUZIONE RISERVATA