LA POLEMICA

Sbarco migranti a Salerno, Lega Nord e Fratelli d'Italia contro il Governo

La richiesta al ministro Minniti è di bloccare le partenze

SALERNO – Non potevano mancare le polemiche politiche allo sbarco di 400 migranti avvenuto questa mattina al porto di Salerno. Ad aprire le danze Paolo Grimoldi deputato della Lega Nord e segretario della Lega Lombarda che ha affermato: “Nel silenzio del governo, mentre il ministro Minniti era distratto a rilasciare interviste trionfalistiche sul drastico calo estivo degli sbarchi, gli arrivi di immigrati dall'Africa sono ripresi improvvisamente, con circa 2000 immigrati trasbordati nei porti di Salerno, Taranto o in quelli della Calabria da navi spagnole o tedesche”.

Sulla stessa linea Imma Vietri, portavoce provinciale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, responsabile del Dipartimento Tutela delle Vittime della Campania: “Il 22esimo sbarco di migranti a Salerno, con a bordo i corpi di 26 donne recuperati in mare, per le quali non si esclude l'omicidio, richiama la nostra attenzione su un'emergenza senza fine e rispetto alla quale sembra sempre più paradossale riempirsi la bocca di parole come carità cristiana e accoglienza. Permettere che tutte queste persone vadano incontro alla morte, consentendo questi viaggi della speranza, e' il vero dramma rispetto al quale interrogarci, prima ancora di preoccuparci di come accoglierli e distribuirli”.