INTEGRAZIONE NEGATA

Salerno, razzismo sull’autobus: «Tu non ti puoi sedere»

È accaduto ieri sulla linea 5: un anziano si è scagliato contro un tunisino

SALERNO - Autobus linea 5 che va da via Ligea alla zona industriale di Salerno. Sono le 9:20, il pullman è piuttosto affollato ma qualche sediolino libero c’è ancora. A piazza della Concordia l’autobus si riempie rapidamente, salgono diverse persone a bordo, tra cui diversi giovani extracomunitari con la loro mercanzia. È una tratta abituale per molti di loro, che si recano, carichi come muli, sulle spiagge affollate di bagnanti per racimolare qualche spicciolo vendendo braccialetti, collanine, occhiali, cappellini e tutto quanto fa estate. Alcuni passeggeri del pullman ne riconoscono qualcuno, lo salutano scambiano qualche parola. Uno, tra i ragazzi, giovane tunisino al massimo trentenne, fa per sedersi in uno dei posti liberi. Poggia la mercanzia da un lato dell’autobus, in modo che non possa cadere e non dare fastidio ai passeggeri ma, uno tra loro lo blocca con veemenza. «Qui non ti puoi sedere mi dai fastidio – dice l’anziano signore vicino di posto del giovane – tornatene al tuo paese che è meglio, vai va...». Nell’ autobus cala il gelo, pochi secondi e l’anziano incalza: «Venite a comandare in Italia, jatevenn»...dice agitando anche le mani quasi a volerlo sfiorare. I passeggeri restano increduli.

Carla Polverino