De Luca mostra un render della nuova piazza della Libertà

IL COMMENTO

Piazza della Libertà, una è di troppo

Quella di Pastena diventa della Resistenza per non far ombra all’agorà di Santa Teresa

Chi siamo, da dove veniamo, dove siamo diretti? Ma soprattutto: dalla stazione ferroviaria, per raggiungere piazza della Libertà devo andare a destra o a sinistra? E già, alle grandi ed eterne domande dell’umanità non poteva che essere Salerno, fucina di avanguardie ed esperimenti, ad aggiungerne un’altra, non meno urgente e stringente. Non la potete mica fare tanto facile: né voi turisti che in sandali e calzini muovete le gambe biancastre a zonzo per la città, né voi residenti, che la città siete costretti a girarla per lavoro o altre fatiche quotidiane, anche quelle purtroppo eterne.

L’omaggio alla Libertà - bella e grandiosa parola che riempie tante bocche, ma che in realtà è più difficile da trovare di un presidente del Consiglio di questi tempi - a Salerno non poteva che essere doppio, ci mancherebbe. Ecco allora piazza della Libertà in zona Pastena, nelle adiacenze di piazza Caduti Civili di Brescia; e, tenetevi forte, piazza della Libertà intesa come grande area che si affaccia sul mare davanti al mitico Crescent, zona che entrerà inevitabilmente nella storia dell’umanità (se non c’è già, occorrerà informarsi) e che, si sussurra, è destinata ad ospitare - il più tardi possibile, ovvio, tra almeno un migliaio di anni - un certo mausoleo.

E dunque mettetevi nei panni della giunta comunale che all’improvviso, dovendo e volendo sistemare la topografia dell’area Crescent, si è trovata fra le mani la patata bollente. Come fare? Quale libertà scegliere? E se spesso è difficile decidersi tra due strade, immaginate tra due piazze. Ovviamente ha prevalso la Storia, con la maiuscola. E c’hanno fatto un’apposita seduta con tanto di delibera chiusa da queste decisioni: la piazza di Pastena è stata ribattezzata piazza della Resistenza (certo non al cambiamento); l’altra, la Piazza, anche questa con la maiuscola, resta “della Libertà” (certo non di vedere il mare per chi abita dietro al Crescent).

Tutto bene quel che finisce bene. Più o meno. Nessuno però racconti ai vertici cittadini che anche alla frazione Coperchia di Pellezzano, comune non lontano in fondo da Salerno, c’è una piazza della Libertà; e, quel che è peggio, cercando la destinazione su google maps, è proprio quest’ultima che salta fuori. Chissà che non si decida di imporre il cambiamento anche a Coperchia; il nome nuovo è già pronto: piazza della Prevalenza (di Salerno, è chiaro).

©RIPRODUZIONE RISERVATA