IL DRAMMA

Morti alla Solfatara, Alessio e il sogno di rivedere i genitori e il fratello

La nonna Gilberta si sta prendendo cura del bambino che ha assistito alla tragedia

POZZUOLI - L'orrore di un bambino restato solo al mondo. E' quello che sta vivendo Alessio l'unico sopravvissutto della tragedia che si è verificata ieri alla Solfatara a Pozzuoli dove sotto gli occhi del piccolo hanno perso la vita la mamma, il padre e il fratellino più grande: inghiottiti dalla terra fumante dei Campi Flegrei.

leggi anche: Morti nella Solfatara, la Procura apre l'inchiesta Il fascicolo per l'ipotesi di omicidio plurimo colposo nelle mani del pm Mancusi Barone

Ieri pomeriggio, affidato alle cure di due psicologhe e della responsabile dei servizi sociali del comune di Pozzuoli, Enrichetta La Ragione, Alessio poco aveva voluto capire della tragedia che aveva visto distintamente. la richiesta del bambino proveniente da Meolo piccolo centro del Veneto è stata quella di rivedere i suoi affetti più cari che "...sono i ospedale perché li stanno curando". Purtroppo un destimo barbaro e cinico ha voluto diversamente, gli ha sottratto coloro che lo curavano e coccolavano.

leggi anche: Solfatara, si apre un crepaccio: morti padre, madre e figlio Salvo l'altro figlio di 7 anni. Via alla commissione d'inchiesta

Ora il compito arduo di far capire ad Alessio la tragedia toccherà alla nonna del cuore, Gilberta, che viveva con lui nel casolare di campagna appena ristrutturato dal papà architetto. Una tragedia ancora più grande per un bambino che resta all'erta sperando di rivedere i suoi genitori e il suo fratellino.