LA STORIA

Morì nel cantiere, processo dopo 12 anni a Salerno

L’operaio rimase schiacciato durante i lavori sulla A3. Cambiati tre giudici, ora si torna indietro alla prima udienza

SALERNO. Dodici anni e tutto da rifare. Era il 2005 quando Angelo Viteritti morì su un cantiere della Salerno-Reggio Calabria, nel territorio di Sicignano degli Alburni. Fu un incidente sul lavoro. La Procura di Salerno aprì un’inchiesta sfociata nel rinvio a giudizio di dodici persone; eppure, dopo tutto questo tempo, quel processo è ancora alla prima udienza. Succede perché dalla data di inizio del dibattimento, fissata per il 2009, sono cambiati tre giudici e ogni volta si è dovuto ricominciare daccapo, in attuazione di una norma che premette agli imputati di non acconsentire all’acquisizione di quanto è stato già fatto.


©RIPRODUZIONE RISERVATA