Mimma Dente

LA TRAGEDIA

Mamma salernitana partorì due gemelli, dal coma alla morte

E' deceduta Mimma Dente: aveva avuto una emorragia cerebrale dopo aver dato alla luce i bimbi

BATTIPAGLIA - Il cuore di Mimma Dente s’è fermato per sempre. Dopo 36 giorni di preghiere, le ultime speranze di sopravvivenza della giovane donna, finita in coma dopo aver dato alla luce due gemellini, si dissolvono in un afoso lunedì sera, alla fine della primavera. La più eroica delle mamme battipagliesi si spegne alle 19.30 dell’11 giugno, nella sala di terapia intensiva del “Santa Maria della Speranza”, l’ospedale cittadino. A stroncare la vita della donna è uno scompenso cardiaco: il cuore cede dopo una lunga resistenza, fatta di tubi e apparecchiature. Il decesso e poi la spina staccata. E la disperazione del marito Donato e degli altri familiari: aspettavano la vita a braccia aperte, e invece quel parto s’è portato dietro una dolorosa morte.

Il calvario aveva avuto inizio il 6 di maggio, di domenica: la data di nascita dei bimbi rimasti senza madre. In quella casa, fino alla fine d’aprile, regnavano la gioia e l’attesa: dopo undici anni di matrimonio, a ottobre del 2017, Mimma era rimasta incinta. Una gioia immensa per la terapista della riabilitazione, che a trentott’anni aveva accolto a braccia aperte la gravidanza. Una gioia doppia quando, dalle prime ecografie, ha scoperto che i bimbi che portava in grembo erano due. I sogni e le speranze, le aspettative e le premure d’una mamma in attesa: in quella casa del rione Sant’Anna non c’era spazio altro.

Carmine Landi

©RIPRODUZIONE RISERVATA