l’intervento al cimitero 

Lavori eterni, protestano i concessionari

La pace è eterna, i lavori pure. E i concessionari chiedono che sia data voce al loro malcontento durante una riunione consiliare monotematica. Ieri mattina una nota sottoscritta dai concessionari...

La pace è eterna, i lavori pure. E i concessionari chiedono che sia data voce al loro malcontento durante una riunione consiliare monotematica. Ieri mattina una nota sottoscritta dai concessionari che fanno parte del Comitato di rappresentanza dei lavori cimiteriali è finita sulle scrivanie della sindaca Cecilia Francese e dei consiglieri comunali. Ed è stata inviata pure alla segretaria generale, Brunella Asfaldo, al dirigente tecnico, Pasquale Angione e al responsabile del procedimento.
I 32 concessionari che fanno parte del comitato guidato da Cosimo Panico chiedono un Consiglio comunale monotematico per conoscere tutte le varianti in corso d’opera approvate dai vertici di Palazzo di Città e gli importi d’ogni cambiamento apportato al progetto esecutivo. E soprattutto Panico e i suoi chiedono una data certa per la fine di lavori che si protraggono da otto anni e invocano chiarezza sul nodo del 35 per cento.
L’odissea ebbe inizio nel 2010, quando l’allora sindaco Giovanni Santomauro annunciò l’opera, che prevedeva una spesa di 13 milioni. «Nell’avviso pubblico - continua Panico - è previsto che l’importo effettivo delle opere cimiteriali avrebbe dovuto essere determinato in via definitiva successivamente all’aggiudicazione, tenendo conto del ribasso del 35 per cento offerto in sede di gara dall’impresa aggiudicatrice». Questa l’offerta arrivata dall’associazione temporanea d’impresa costituita da Tecnobuilding e Vivai Piante Sica. Nei mesi scorsi, però, l’amministrazione comunale ha sollecitato i concessionari a saldare le quote sulla base delle tariffe varate nel 2010. I concessionari si sono rivolti alle autorità giudiziarie, presentando esposti alla procura della Repubblica. E i pm indagano: della vicenda si sta occupando Valleverdina Cassaniello.(c. l.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA