inquinamento 

La Rete a difesa del Sarno raccoglie 15mila firme

Torna la Rete a difesa del Sarno e la polemica sullo stato di inquinamento. In seguito alla protesta congiunta che ha portato in piazza migliaia di cittadini di 23 comuni, lo scorso 29 ottobre, sono...

Torna la Rete a difesa del Sarno e la polemica sullo stato di inquinamento. In seguito alla protesta congiunta che ha portato in piazza migliaia di cittadini di 23 comuni, lo scorso 29 ottobre, sono state consegnate e inviate alla Regione Campania 15mila firme raccolte nei Comuni del Bacino idrografico del Sarno a sostegno della petizione popolare, promossa dai cittadini aderenti alla “Rete a difesa del Fiume Sarno”.
Con questa petizione, gli attivisti chiedono: l’ultimazione e la realizzazione di tutte quelle infrastrutture necessarie al disinquinamento del Bacino, quali collettori, reti fognarie e messa a norma degli scarichi dei depuratori consortili; la messa in atto di un efficace controllo degli scarichi illegali delle industrie, che continuano a sversare nel fiume Sarno e nei suoi affluenti, adottando un sistema di monitoraggio tra acqua in entrata e acqua reflua in uscita con obbligo del pagamento del canone di depurazione in base all’acqua approvvigionata; l’istituzione del “Comitato consultivo sul servizio idrico integrato.
«Migliaia di cittadini ritengono sia necessario fare ulteriori sforzi per il disinquinamento del bacino idrografico del Sarno - spiegano i rappresentanti del Comitato - i cittadini sottoscrittori si aspettano nient’altro che un assiduo e quanto mai proficuo impegno da parte della Regione Campania volto alla realizzazione del fine della petizione in oggetto».
Inoltre chiedono di istituire un tavolo tecnico formato dai rappresentanti della Regione, dai rappresentanti degli enti coinvolti al disinquinamento e dai rappresentanti della rete a “Difesa del Fiume Sarno”, promotrice della petizione, «al fine di poter affrontare in modo proficuo ed esaustivo le problematiche sopraindicate», come evidenziano gli attivisti.
Davide Speranza
©RIPRODUZIONE RISERVATA