capaccio paestum

Il Comune liquida 40mila euro di sentenze

CAPACCIO PAESTUM. Ammontano a 40.400 euro i fondi pignorati al Comune a fronte di nove sentenze emesse dagli uffici del giudice di pace di Capaccio Paestum e Torre Annunziata e dal Tribunale di...

CAPACCIO PAESTUM. Ammontano a 40.400 euro i fondi pignorati al Comune a fronte di nove sentenze emesse dagli uffici del giudice di pace di Capaccio Paestum e Torre Annunziata e dal Tribunale di Salerno. L’ente guidato dal sindaco Italo Voza, preso atto del pignoramento presso terzi emesso dal giudice dell’esecuzione del Tribunale civile di Salerno per le nove sentenze, che prevedono la corresponsione di importi di varia entità rimasti inevasi, ha deciso di procedere alla liquidazione per evitare ulteriori pignoramenti presso la Bcc di Capaccio Paestum, l’istituto di credito presieduto da Rosario Pingaro che funge da tesoreria del Comune.

Nel dettaglio, l’ente municipale capaccese dovrà corrispondere: 1.193,66 euro ad A.V., 1.739,98 euro a P. D., 1.423,23 euro a E. M., 1.529,89 euro a V. D. A., 2.47 0,85 euro a A. A. e G. M., 1.432,66 euro a C. C., 774,62 euro a E. C . Da liquidare anche la somma di 3.185,28 euro a una ditta di costruzioni, mentre il debito più grande, 25.930,62 euro, andrà corrisposto a C. R. e P. G .

Il Comune di Capaccio Paestum ha provveduto a impegnare le varie somme, che comprendono anche le spese legali e quelle dovute all’istituto di credito a titolo di anticipo e costi fiscali, incaricando l’ufficio finanziario di adottare tutti gli adempimenti necessari. Per la maggior parte si tratta di sentenze relative a incidenti stradali avvenuti per il dissesto e buche presenti in strade comunali. Spese e risarcimenti che pesano sui bilanci comunali. Nel comune limitrofo di Roccadaspide il Comune è stato condannato a sborsare ben 7000 euro per la caduta da una scala in via Vitolo, di cui è stata vittima una donna nell’ottobre del 2014. Risarcimento recentemente liquidato dall’ente dopo la sentenza del giudice di pace.(a. s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA