SIano 

Ennesimo furto di rame al camposanto

SIANO. Continuano i furti di rame al cimitero di Siano. Ignoti, nei giorni precedenti il Ponte di Ognissanti, hanno fatto irruzione nella struttura comunale e hanno portato via un totale di circa 50...

SIANO. Continuano i furti di rame al cimitero di Siano. Ignoti, nei giorni precedenti il Ponte di Ognissanti, hanno fatto irruzione nella struttura comunale e hanno portato via un totale di circa 50 oggetti sacri dalle tombe. L’amara scoperta è stata fatta proprio nei giorni della commemorazione di chi non c’è più, quando alcuni cittadini si sono recati sul posto per onorare la memoria di chi è scomparso. Nuovamente è scattata la denuncia alle forze dell’ordine, che adesso indagano per risalire agli autori della vicenda.
Il fenomeno, come sempre, si ricollega al mondo sommerso dei cacciatori di metallo, che rivendono tutto a prezzi stracciati. E sui colpi delle ultime settimane adesso il gruppo politico “Siano nel Cuore” chiede di installare un impianto di videosorveglianza all’interno del cimitero di Siano. La richiesta arriva dal capogruppo di opposizione, Antonio Buonaiuto, pronto a portare la questione nel prossimo Consiglio comunale insieme agli altri colleghi di coalizione, Serenella Tenore, Carmine Leo e Anna Carmela Russo. «La situazione di degrado nell’area del cimitero purtroppo è nota a tutti e ha raggiunto livelli inaccettabili, facendo registrare anche dei furti di rame all’interno della struttura. Ecco perché serve un sistema di telecamere collegate alla sala operativa della polizia municipale, che scoraggi così i ladri - ha spiegato - l’amministrazione comunale si deve far carico di questo problema e deve mettere in programma l’installazione delle telecamere».
Dello stesso avviso anche il consigliere comunale Carmine Leo. «Penso che sia opportuno avere, in tempi brevi, un sistema di videosorveglianza con telecamere perimetrale e sui viali principali del cimitero. Non possiamo solo indignarci ogni volta che si registra un furto».(d. g.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.