REGIONE

De Luca ai giornalisti: «Rilassatevi»

Il governatore della Campania prova a smorzare i toni dopo il caso delle "zeppole e pastiere"

NAPOLI - Siparietto tra Vincenzo De Luca e i cronisti dopo le tensioni dei giorni scorsi, quando il governatore aveva invitato - ad un convegno sul diabete - ad acquistare "zeppole e pastiere" invece dei giornali e aveva definito i giornalisti "relitti umani" e "peracottari". Stavolta però il clima è meno teso, all'iniziativa della Regione per presentare i primi fondi assegnati alle imprese agricole. De Luca parla dell'obiettivo "di informatizzare tutti i settori della Regione Campania" per "rendere effettiva la rivoluzione democratica che vogliamo fare". Una cosa "che deve valere anche tra 200 anni - spiega - quando De Luca sarà passato a miglior vita". Insomma, "a prescindere dai governi regionali ogni cittadino e imprenditore deve poter vivere in una condizione di serenità, certezza del diritto e dignità, quale che sia la sua opinione". Il governatore chiosa: "Poi, se votate per me fate la metà del vostro dovere". Avvicinato dalla stampa al termine della conferenza, a De Luca viene chiesto se le ultime parole fossero un annuncio di ricandidatura alle regionali 2020. "Ma quale perversione anima il suo animo - replica il governatore ad un cronista - se di fronte ad una mezza battuta che uno fa per alleggerire il clima, lei pensa alle conseguenze? Fatevi vedere, lo dico fraternamente, ma vi volete rilassare?".