«Castello a rischio crollo» Il sindaco lancia l’allarme 

Santa Marina: Fortunato chiede al ministero dei Beni culturali di attivarsi «Se non interviene, lo faremo noi in danno. È in gioco la sicurezza dei cittadini»

SANTA MARINA. Un altro simbolo del Cilento potrebbe sparire per sempre. È il castello bizantino di Policastro Bussentino, che sorge maestoso sul cucuzzolo della collina che sovrasta il paese. A lanciare l’allarme è stato il sindaco di Santa Marina, Giovanni Fortunato, che ha chiesto l’intervento urgente del ministero dei Beni culturali per mettere in sicurezza la struttura.
«Il castello dei Sanseverino potrebbe crollare da un momento all’altro – tuona Fortunato - nell’ultimo periodo si sono aperte delle crepe spaventose in più punti. In caso di crollo le macerie potrebbero rotolare a valle e colpire le case del centro storico. Un rischio enorme per i cittadini”. Fortunato ha già scritto direttamente al ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini.
«La struttura è di proprietà del Ministero – spiega il primo cittadino – quindi tocca a loro mettere in sicurezza il castello. In caso contrario – avverte Fortunato – saremo costretti ad intervenire come Comune, in danno al Ministero, per realizzare opere di messa in sicurezza provvisoria. La sicurezza dei cittadini viene prima di ogni altra cosa». Poi aggiunge. “Per mettere in sicurezza la struttura serve subito almeno mezzo milione di euro, poi si penserà al resto».
Fortunato ha già pronto il progetto. «L’ufficio tecnico del Comune ha un progetto esecutivo e cantierabile per il recupero del castello. Servono solo le risorse del Ministero. Come Comune daremo la massima disponibilità».
Il Castello di Policastro è un’opera di inestimabile valore. Fu costruito dai Bizantini nel VII sec. d.C.; più volte distrutto e fatto riedificare. Era composto da sale, da una cappella e di imponente atrio. Nel 1806 il Castello fu nuovamente distrutto dalla flotta inglese che lo bombardò. Sulla facciata del castello sono ancora ben visibili degli affreschi che riproducono una battaglia navale nel golfo di Policastro. La scorsa estate un incendio ha distrutto anche l’impianto di illuminazione realizzato negli anni scorsi dall’amministrazione comunale.
Completamente distrutte anche le staccionate realizzate in legno lungo il sentiero che porta al castello. Pochi giorni fa il sindaco insieme ad un gruppi di esperti ha effettuato un sopralluogo nell’area archeologica verificando di persona le criticità della struttura. «Un monumento assolutamente da salvare – conclude Fortunato – sono certo che il ministero interverrà con celerità per evitare di perdere un tesoro così importante e mettere in sicurezza le case del centro storico».
Fortunato, per meglio spiegare la gravità della situazione, ha chiesto personalmente un incontro al ministro Franceschini.
Vincenzo Rubano
©RIPRODUZIONE RISERVATA .