laviano

Bovini bloccati nella neve Disagi per gli agricoltori

LAVIANO. Bovini intrappolati nella neve, allevatori al lavoro per garantire il funzionamento delle stalle mentre l’associazione Liberiagricoltori avvia le pratiche per chiedere lo stato di calamità...

LAVIANO. Bovini intrappolati nella neve, allevatori al lavoro per garantire il funzionamento delle stalle mentre l’associazione Liberiagricoltori avvia le pratiche per chiedere lo stato di calamità naturale. Accade nel cuore dell’Alta Valle del Sele dove numerosi allevatori di vacche da latte e di pecore hanno dovuto fare i conti con il maltempo di queste settimane.

Nei comuni di Ricigliano, Colliano, San Gregorio Magno, Laviano e Castelnuovo di Conza, ad aver avuto la peggio sono stati gli allevatori che hanno lavorato con non poche difficoltà logistiche causate dalle basse temperature che hanno raggiunto i 9 gradi sotto lo zero, con conseguente blocco delle strade per la presenza di neve e la rottura dei tubi di erogazione dell’acqua a causa del gelo. L’abbondante nevicata infatti, ha raggiunto i circa 15 centimetri creando problemi agli allevatori rimasti intrappolati nella neve in montagna, insieme agli animali.

I mezzi spalaneve e spargisale utilizzati in paese, non hanno potuto raggiungere gli allevamenti dove i proprietari delle mandrie sono stati costretti a mettere in capo le proprie energie e i propri mezzi per liberare le strade.

Oltre al disagio creato dalla neve, si è aggiunta la presenza di ghiaccio che ha reso più difficile la viabilità soprattutto in montagna e dunque l’impossibilità del rifornimento di mangimi per gli animali.

Preoccupante anche la situazione nelle aziende agricole della Valle del Sele, della Piana del Sele e del Tanagro dove il freddo ha creato danni anche alle colture con conseguente aumento dei prezzi al consumo nei negozi. Intanto il presidente di Liberiagricoltori Salerno, Antonio Valitutto, invita gli imprenditori agricoli a segnalare i danni all’indirizzo mail liberiagricoltori.sa@libero.it per chiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

Mariateresa Conte

©RIPRODUZIONE RISERVATA