IL DRAMMA

Bambino di 2 anni muore schiacciato dal televisore

La tragedia è accaduta a Leverano: aperta un'inchiesta

LECCE - La Procura della Repubblica di Lecce ha aperto un fascicolo d'indagine sulla morte del bimbo di 26 mesi rimasto schiacciato sotto il peso di un vecchio televisore cadutogli addosso mentre, a quanto pare, cercava di accenderlo nel salone della sua casa, a Leverano. Il sostituto procuratore Stefania Mininni, recatasi sul luogo, ha avviato l'inchiesta per morte come conseguenza di altro reato.

Al momento della tragedia, il bambino si trovava in casa con la madre, una donna di 27 anni che ha dovuto fare ricorso alle cure mediche a causa del forte stato di choc. Nell'abitazione nel centro abitato di Leverano, è giunto anche il medico legale Roberto Vaglio in attesa che venga eseguita l'autopsia fissata per lunedì. A chiedere l'intervento dei soccorsi era stata proprio la madre del bambino.

Il televisore, un pesante apparecchio a tubo catodico posto su un carrello, cadendo sul corpicino di Giorgio, potrebbe avergli causato un trauma toracico rivelatosi mortale. All'arrivo dei sanitari del 118, il bambino non respirava ed era cianotico. Inutile si è rivelato l'uso del defibrillatore, così come senza esito sono rimasti i successivi tentativi di salvare la vita del bambino attraverso prolungate manovre rianimatorie. Al momento della tragedia, il padre del bimbo, un operatore ecologico, si trovava al lavoro, e l'altro fratellino di Giorgio era a scuola.