Napoli

Al Maschio Angioino tantissimi fan dalla provincia di Salerno per Pino Daniele

Per dieci giorni saranno esposte le ceneri dell'artista partenopeo che ha saputo raccontare una città di contraddizioni e passioni viscerali

C'è chi è partito dal Cilento stamattina alle sei e chi Pino Daniele, le sue ceneri, lo ha salutato con un semplice ciao. Ed ancora c'è chi, il suo addio, lo ha voluto scrivere nel registro delle presenze. "Hai lasciato un vuoto incolmabile ma sarai sempre poesia" ha scritto un fan; "Sei stato il nostro tutto, da lassù continua a cantare per noi", ha scritto una signora. Ed ancora, "grazie alle tue canzoni mi sono innamorata" e poi "sarai grande anche lassù", "Pino vigila sempre sulla nostra Napoli". E infine "stattibè Guagliò".

È così che anche oggi i fan non hanno voluto lasciare solo  Pino Daniele. Dina è partita da Agropoli, nel Cilento, stamattina alle sei per arrivare in tempo all'esposizione delle ceneri, da oggi e per dieci giorni al Maschio Angioino. "Non sono riuscita ad andare ai funerali ed oggi non potevo non venire - dice -, la gente si sorprende di tutto questo dolore. Ma perchè non capisce che per noi è morto uno di famiglia?". Maddalena e Francesca, 22 anni, sono invece venute da Scafati, sempre in provincia di Salerno. "Siamo cresciute con Pino - raccontano - quando eravamo piccole i nostri genitori ci facevano ascoltare le sue canzoni in macchina. Poi ci siamo appassionate anche noi ed oggi siamo qui". Maria Rosaria e Maria Luisa sono mamma e figlia. "Un uomo grande, un grande come lui ora racchiuso in quella piccola scatola, che brutto - dicono -. La nostra presenza qui oggi è doverosa, per un grande artista e per la nostra città. Ecco perchè siamo qui".