Il vetro del bus infranto dal proiettile

CALCIO VIOLENTO

Acerno, pistolettate contro il bus del Corno d’Oro

I carabinieri hanno deferito un 55enne responsabile del danneggiamento del pullman

ACERNO - Rappresaglia contro la squadra di calcio ospite: colpo di pistola contro il pullman. È il grave episodio avvenuto ieri mattina al campo sportivo Villaggio San Francesco di Acerno. Il proiettile esploso con una scacciacani ha danneggiato il finestrino del mezzo noleggiato dalla società Corno D’Oro di Eboli per affrontare la trasferta. In calendario infatti c’era la partita in casa dello Sporting Acerno, fanalino di coda della classifica: gara valevole per il campionato provinciale di Terza categoria, girone C.

leggi anche: Assalto in autogrill dei tifosi della Casertana a quelli molossi Portate via una sciarpa e una bandiera ai supporters rossoneri

Tra Corno d’Oro e le due formazioni di Acerno, militanti nello stesso girone, la rivalità sportiva è sconfinata ben oltre il rettangolo di gioco. Sembra che la rappresaglia sia collegata alla partita del 18 marzo scorso quando l’altra squadra acernese, l’Acerno Calcio, perse l’imbattibilità proprio in casa del Corno d’Oro. La trasferta di ieri della formazione ebolitana si è trasformata così in una vendetta postuma.

L'AGGIORNAMENTO

I carabinieri hanno deferito un 55enne con l'accusa di essere il responsabile del danneggiamento del pullman. Si tratterebbe del padre di un calciatore della squadra locale che durante le fasi di gioco avrebbe subito uno schiaffo da un avversario.

I militari, nel corso della perquisizione effettuata a casa dell’uomo, hanno rinvenuto, nel garage, una pistola ad aria compressa, modello air soft gun, completa di scatolo contenente 32 piombini, compatibile con quella utilizzata per danneggiare tre finestrini del pullman.