la politica

È tornato il Psi e spiega l’appoggio a Servalli

Dopo l’ingresso in consiglio e poi in maggioranza, il Partito socialista si è ufficialmente presentato ieri mattina alla città. Primo congresso alla presenza dei segretari provinciali e regionali...

Dopo l’ingresso in consiglio e poi in maggioranza, il Partito socialista si è ufficialmente presentato ieri mattina alla città. Primo congresso alla presenza dei segretari provinciali e regionali tra i quali Vincenzo Maraio (consigliere regionale), Marisa Fiorillo e Silvano de Luca (segreteria provinciale Psi), Gaetano Panza (presidente onorario sezione Psi).

Così, il consigliere comunale Vincenzo Passa, esponente in assise del Psi, ha avuto modo di spiegare quali sono gli obiettivi del partito in affiancamento all’amministrazione targata Pd. «È una giornata importante per la città perché c’è il ritorno del Psi: erano anni che i socialisti non avevano una rappresentanza in consiglio. Vogliamo collaborare con questa amministrazione in maniera propositiva per migliorare la città».

Un’idea capeggia su tutte: quella di spingere l’esecutivo a guida Servalli a risolvere soprattutto i problemi quotidiani. Dalla sicurezza al decoro pubblico, passando per il completamento dell’annosa questione trincerone e senza escludere il problema parcheggi. «Quanto fatto finora è frutto soprattutto della passata consiliatura – ha spiegato Passa – rispetto all’attuale azione amministrativa va certamente menzionato lo sblocco dell’annoso problema del palazzetto dello sport di Pregiato che dovrà essere realizzato, ma anche l’unificazione del servizio di raccolta rifiuti e l’arrivo in Metellia degli ex dipendenti del Consorzio di Bacino Salerno 1. Insomma, i punti a vantaggio di quest’amministrazione non mancano, ma non dobbiamo trascurare la quotidianità: i portici sono sporchi, non c’è controllo sul territorio, proliferano i venditori abusivi a danni del commercio cittadino. La sicurezza è fondamentale, le persone sono stanche pagano le tasse e chiedono che la città sia a misura d’uomo».

Giuseppe Ferrara

©RIPRODUZIONE RISERVATA